Materiali

Pietre dure, metalli, madreperla

Nell'antichità si accostarono materiali di origine organica e inorganica di durezza e resistenza molto diverse.
Conchiglie, madreperla e avorio sono usate in epoca protosumerica come pure il calcare, l'alabastro e l'argilla cotta e verniciata con colori rosso, bianco e nero. (Quest'ultima si troverà più tardi nei mosici pavimentali greci e romani).
Tessere di pietre dure (turchesi) e metalli per rivestire maschere umane e oggetti dedicati alle divinità, insieme al quarzo, alla giada, la malachite, l'oro, madreperla e conchiglie in epoca precolombiana, nei mosaici peruviani e messicani. Tessere di giada di varia forma, in Cina durante la dinastia Han (150-113 a.C.) per i vestiti funebri dell'imperatore e degli aristocratici.
Tessere di conchiglie, tartaruga, madreperla e piume in Oceania.
Perle di vetro variopinte e conchiglie in Africa. Mattoni di argilla cotta in Afganistan.

Rocce e marmi

Rocce, sono le rocce di cava e i ciottoli raccolti lungo le rive del mare o sul greto dei fiumi. D'origine molto diversa comprendono:

a) rocce magmatiche (silicei - duri e resistenti)
b) rocce sedimentarie (calcite - relativamente tenere)
c) rocce metamorfiche (calcite - relativamente tenere)

I marmi sono rocce metamorfiche cristalline. Le rocce di composizione calcarea furono quelle più usate per la relativa facilità di lavorazione. Inoltre presentavano diversi toni di colore per la presenza di ossidi e sali. Se esposti all'esterno sono però soggetti a deterioramento.
I primi, capaci di tagliare, levigare e lucidare le rocce e i marmi furono gli egiziani.
L'arte di ridurre in tessere, anche finissime, il marmo non ha però risposta certa circa le origini e da chi fu iniziata. Pausania, storico greco del II secolo, indica Bisa di Nasso che lavorava il marmo nel IV secolo a.C. (Opus Vermiculatum conservato al museo di Pergamo).
Di certo esso si svilupppò nei luoghi dove la natura fornì i materiali idonei (Egitto, Grecia, Asia Minore, Spagna, Tunisia etc.). I romani conobbero il mosaico dopo la conquista delle provincie greche (150 a.C.). Prima di tale data, si usavano solo pietre locali, il coccio pesto, e poche tessere di marmo soprattutto per pavimenti.
L'espansione di Roma, che fu vastissima, li mise in grado di far pervenire materiali di ogni genere dalle zone più lontane. I marmi, trasportati per vie marittime e fluviali erano poi scaricati e depositati sulle rive del Tevere o nei due vastissimi depositi di Roma. Questo fino al III secolo d.C. Dal V secolo d.C. inizia l'inesorabile decadenza dell'impero Romano e con essa lo smantellamento continuo dei rivestimenti parietali e pavimentali degli antichi edifici.

Smalti

Smalto è materiale vetroso, unito nella fusione a composti metallici.

Lo "smalto" operò la svolta decisiva nella storia e nello sviluppo dell'arte musiva. Esso, diversamente da quello che il luogo fornisce, è prodotto dall'uomo stesso.
Anche in questo caso sono gli Egiziani, che ricchi di materie prime, atte a produrre la pasta vetrosa, usarono smalti vetrosi colorati per abbellire grandiosi costruzioni che ancora oggi si possono ammirare.
L'arte vetraria passò dall'Egitto alla Persia e dalla Persia agli Assiri e ai Greci. Secondo Plinio, furono i greci i primi a tagliare lo smalto in forme definite anche minutissime per comporre opere che gareggiavano con la pittura.
Con gli smalti, il valore, l'importanza del mosaico crebbe notevolmente, fino a diventare con i bizantini, di uso quasi esclusivo. La vastissima gamma di colori, tonalità, la preziosità degli ori, la resistenza, la lucentezza furono le qualità che permisero ai Bizantini di motivare un'arte cristiana del tutto diversa da quella pagana.

I materiali riguardanti l'arte musiva comprendono: le tessere - i leganti - gli additivi - gli adesivi - i rivestimenti - i supporti e strutture portanti.


Tessera

è la piccola parte di smalto, di pietra naturale o di altro materiale decorativo, martellina e tagliolousato per comporre il mosaico.
La tessera rappresenta naturalmente l'elemento più importante e determinante in quest'arte
La loro forma, grandezza, colore, il materiale di cui sono composte e la loro disposizione e inclinazione, sono l'elemento espressivo dalle infinite possibilità.
Le tessere si ottengono appoggiando il materiale scelto sul «tagliolo» che è una scure voltata all'insù e fissata a un ceppo, e colpendo poi con la «martellina», un martello a doppio taglio di acciaio duro.
Oggi, per i materiali più duri, vengono usate, macchine per tagliare, segare, molare etc.

Leganti

Il legante è di enorme importanza per la durata del mosaico. Nell'antichità si usarono composti naturali o manipolati dall'uomo come il bitume (epoca Sumerica), le resine vegetali (epoca Precolombiana in America del sud); calce e gesso (Egiziani).
I Fenici scoprirono il più semplice e duraturo legante idraulico: l'impasto di calce con argilla torrefatta e macinata.
I Greci perfezionarono questa tecnica aggiungendo terra pomicea vulcanica di Santorino.
I Romani seguendo lo stesso metodo unirono alla calce polvere di mattone cotto, sabbia, ghiaia e pozzolana.
Nel Medioevo e nel Rinascimento si usarono principalmente le calci idrauliche.
Alla fine del XIX secolo i mosaicisti cominciarono a servirsi del cemento Portland che permetteva una maggiore resistenza all'umidità e uno strato più sottile a sostegno delle tessere.

Attualmenti si usano collanti che la ricerca ha messo a disposizione dell'industria edile, come i collanti per piastrelle (ad esempio i prodotti Mapei).

Additivi

Gli additivi sono sostanze che, in piccole quantità vengono aggiunte alle malte per provocare una variazione della velocità di reazione delle stesse, accelerando o ritardando la presa e l'indurimento.
Possono essere ad azione chimica (ritardatori e acceleratori) o ad azione fisica (fluidificanti).

Adesivi

Gli adesivi più usati sono le colle e le resine sintetiche. "colla di pelle" o "colla di coniglio" è quella più usata nel metodo diretto su stucco provvisorio nelle operazioni di stacco, e nello strappo dei mosaici pavimentali e parietali per restauro.
Questa colla animale si presenta sotto forma di granuli di colore marrone chiaro.
La colla di farina di grano viene usata nel metodo indiretto, o "a rovescio" su tela leggerissima di cotone o su carta.
Le resine sintetiche (viniliche - acriliche - poliuretaniche) sono ottimi adesivi e vengono usate nelle parti non visibili del mosaico.

Rivestimenti, supporti, strutture portanti

I rivestimenti (resine) vengono usate come protezione e rinforzo dei pannelli musivi.
Supporti e strutture portanti sono utilizzo d'epoca recente dovuto alla creazione del metodo diretto su stucco provvisorio, all'esecuzione di opere notevoli in laboratorio e infine al diffondersi dei mosaici da cavalletto.
Nel primo caso il supporto è un piano di populit composto di paglia e cemento pressati (supporto provvisorio per calce) un piano di truciolato laminato sintetico (supporto provvisorio per cemento).
il supporto definitivo per cemento (metodo diretto) è un piano di compensato marino o multistrato.
Infine, per mosaici murali eseguiti in laboratorio si utilizzano pannelli di cemento armato il cui assemblaggio è poi eseguito sul posto.




[ home ] [ l'opera d'arte ] [ i materiali ] [ le tecniche ]